giovedì, gennaio 27, 2011

TEHRAN A/R


Metti che un giorno un'amica di Tehran, iraniana doc, 100% persiana, ti chiama e ti invita a casa sua per una lezione-cena di cucina?? Che fai??? Semplice: lasci tutto quello che stai facendo, il gas acceso, il gatto fuori dalla porta, la vasca da bagno che straborda e ti metti a correre verso il suo appartamento più forte che puoi, perchè un'occasione così  non ti si ripresenterà mai più!
Io, appena ho visto il messaggio, mi sono fiondata e ho cercato di assorbire tutto quello che potevo sulla  preparazione del "kabab Tabei" (che, chiariamoci, non è mica quello del kebabbaro sotto casa!).
Il kabab persiano è fatto con carne macinata e prende la forma o di mega polpetta, che poi viene tagliata a fette tra i commensali, o di mini polpette-salsiccette , si mangia accompagnato da riso, salsine e spezie misteriose....nel senso che, non mi ricordo bene il nome, eh ..eh..pardon..ma a tavola ho fatto onore al piatto e mi sono distratta!!
Safa, così si chiama la nostra maestra di cucina iraniana, è un mostro di precisione e velocità, secondo me potrebbe cucinare kabab per quattro o per venti persone con la stessa nonchalance, tanto le dosi sono tutte "quanto basta" e i tempi "quando è cotto si vede", ma anche questa deve essere una caratteristica tutta iraniana di cucinare, di chi ha un legame stretto con i piatti della propria tradizione e li conosce a memoria.
Io senza pesare qcosa sto male e di piatti della tradizione non ne so fare, oddio a meno che affettare il prosciutto non me lo passiate per piatto tradizonale parmigiano??
Vabbeh, a parte il mio caso cronico, diciamo che mi ha colpito molto il rapporto di Safa con il "suo" cibo, forse ogni popolo, soprattutto chi è lontano da casa, ha un attaccamento maggiore a quello che mangia, perchè in definitiva noi siamo ciò che mangiamo e mangiare è un atto culturale, un atto d'amore verso le nostre origini.




Ingredienti per 4 persone:
  • 500g di macinato di manzo (ripassato due volte)
  • 1 cipolla e mezza
  • 1 pomodoro e mezzo 
  • 1 peperone verde
  • 1 pizzico di advjé (spezia misteriosa) 
  • sale e pepe qb
  • 320g di riso basmati (1 tazzina abbondante per persona)
  • 1 bustina di zafferano (facoltativa)
  • 1patata o un pacchetto di crackers
  • olio di semi qb
  • 1 vasetto di yoghurt greco
  • 1 pizzico di menta e di rosa essicata (per la salsa di yoghurt)



KABAB TABEI
 Preparazione della carne:
 Tritare la cipolla con il frullatore, metterla in un colino e schiacciarla con una forchetta per togliere l'acqua in eccesso.
Al macinato aggiungere la cipolla, pepe, sale e advié. Impastare per 15 min.
In una padella grande con un pò di olio di semi distendere e appiattire l'impasto.
Coprire con un coperchio e far cuocere a fuoco medio per 10 minuti finché la carne non sarà diventata soda.
Nel frattempo tagliare il pomodoro e il peperone a rondelle (senza togliere i filamenti del peperone!)
Tagliare il kabab a strisce e distribuirvi attorno le fette di pomodoro e le rondelle di peperone.
Coprire e continuare la cottura.
Preparazione del riso:
 Far bollire il riso basmati per 10-15 minuti. Il riso non deve essere del tutto cotto.
Scolare bene.
In una pentola preparare il tadik (base fritta di patate o piadina o crackers): sul fondo mettere un po' d'olio e foderare con delle patate a rondelle (o della piadina o dei crackers),
lasciar rosolare un po' e aggiungere il riso scolato.
Coprire con un coperchio avvolto il uno strofinaccio e lasciar rosolare per 20 minuti c.a. (o finché non sarà ultimata la cottura)
Servire il kabab accompagnato dal riso (a cui si può aggiungere dello zafferano) e dalle verdure stufate.
Sul kabab si può anche mettere un pizzico somag a piacere